Dic 042018
 

In Italia l’economia circolare vale 88 miliardi di fatturato e 22 miliardi di valore aggiunto, pari all’1,5% del valore aggiunto nazionale. Ovvero, l’economia circolare in Italia equivale, in quanto a numeri, sia al settore energetico nazionale, sia a quello tessile, ed è poco distante dal  valore aggiunto dell’agricoltura. Ancora, il settore dà lavoro a più di 575 mila addetti.

Scatta la fotografia di questo nuovo mondo, non più votato allo spreco ma alla circolarità di beni e prodotti, l’indagine “L’Economia Circolare in Italia – la filiera del riciclo asse portante di un’economia senza rifiuti” di Ambiente Italia, frutto del lavoro del Gruppo Riciclo e Recupero del Kyoto Club.

Lo studio è stato commissionato da Conai con i Consorzi nazionali per il riciclo degli imballaggi (Cial, Comieco, Corepla e Ricrea) e dal Gruppo Cap, il gestore del servizio idrico della città metropolitana di Milano. In base a quanto evidenziato dall’indagine, l’economia circolare non riguarda solo ciò che succede dopo la produzione e il consumo di un bene, ma inizia dalla progettazione, realizzando un sistema più efficiente riguardo all’uso di risorse, con ampio ricorso a quelle rinnovabili. E comprende anche un atteggiamento più consapevole e responsabile da parte del consumatore.

In Italia si ricicla il 67,5% dei rifiuti di imballaggio

Solo nel 2017,  in Italia è stato avviato a riciclo il 67,5% dei rifiuti di imballaggio immessi al consumo sull’intero territorio nazionale, per un totale di 8,8 milioni di tonnellate di rifiuti (+3,7% rispetto al 2016).

In particolare, nel panorama europeo l’Italia è leader per il tasso di produttività nell’uso delle risorse (quanti euro di Pil si producono per ogni kg di materia consumata), per il tasso di circolarità della materia nell’economia (quante materie seconde si impiegano sul totale dei consumi di materia) e per il tasso di riciclo dei rifiuti (quanti rifiuti, inclusi l’import ed export, si avviano a riciclo internamente).

La ricerca di Ambiente Italia mostra inoltre la crescita progressiva sia dei recuperi “open loop” (cioè in altri cicli produttivi, come il vetro nell’industria ceramica, o altri materiali nell’industria edile), sia i ricicli all’interno dello stesso ciclo produttivo. In Italia l’impiego di materie seconde è fondamentale per molti settori manifatturieri e in particolare per la produzione siderurgica e metallurgica. Ad esempio, tutto l’alluminio prodotto nel nostro Paese, oltre 900mila tonnellate nel 2017, proviene dal riciclo.

Focus sulla gestione del ciclo idrico

Tra le particolarità dell’ultimo studio c’è poi l’attenzione dedicata all’economia della gestione del ciclo idrico, aspetto sino ad ora spesso trascurato ma pilastro teorico dell’economia circolare. Per darne un’idea in numeri: l’insieme delle attività di fornitura, distribuzione, gestione delle reti fognarie e depurazione genera un fatturato di circa 9 miliardi di euro, un valore aggiunto di 4,5 miliardi dà lavoro a 41.000 addetti.

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Sorry, the comment form is closed at this time.