Mar 052019
 

Fedeltà all’azienda e posto fisso sono concetti fuori moda, e i giovani professionisti sono sempre più incoraggiati a fare esperienza di nuovi ruoli in aziende diverse per fare carriera più velocemente. Definiti la job hopping generation, i Millennials sembrano i più inclini a cambiare spesso impiego. Una strategia che però a lungo andare non sempre paga. Secondo gli esperti di Hays Response, la divisione di Hays dedicata ai profili più junior, si dà per scontato che crescita professionale e aumento di salario si ottengano solo cambiando lavoro. Tuttavia, le promozioni si possono conquistare anche rimanendo all’interno della stessa azienda. Non sempre la soddisfazione professionale deriva da un nuovo impiego.

Chiedersi se si sono sfruttate tutte le opportunità

Cambiare lavoro è utile per dare slancio al proprio curriculum, ma è possibile raggiungere posizioni più elevate anche lavorando per molto tempo nella stessa azienda. Per farlo è fondamentale avere in mente un chiaro percorso di crescita, riferisce Adnkronos, aggiornare costantemente le proprie skills ed essere sempre pronti a nuove sfide.

“Prima di abbandonare la nave è bene chiedersi se si sono sfruttate tutte le opportunità che l’attuale impiego può offrire – spiegano gli esperti – e, soprattutto, se si è fatto tutto il possibile per raggiungere i propri obiettivi di crescita all’interno dell’azienda”.

5 consigli per ottenere il massimo senza cambiare lavoro

Ecco i 5 consigli di Hays Response per ottenere il massimo a livello professionale, senza dover per forza cambiare lavoro. Il primo è non avere paura di chiedere. Quando si è alla ricerca di una nuova sfida, è sempre bene parlarne con il proprio capo. Generalmente, entusiasmo e proattività sono percepiti positivamente, ed è probabile che l’ambizione venga supportata.

Secondo consiglio, considerare la possibilità di un trasferimento. Se l’azienda è grande e strutturata, con sedi all’estero, si può prendere in considerazione l’idea di trasferirsi. Vivere e lavorare all’estero arricchisce il proprio bagaglio di conoscenze, ed esperienze di questo tipo sono sempre utili per mettersi in buona luce in vista di una promozione.

Mantenersi aggiornati, non accontentarsi e sapersi reinventare

Il terzo consiglio è quello di mantenersi sempre aggiornati. Quando si è nella stessa azienda da molto tempo si tende a dormire sugli allori. È necessario invece aggiornare le proprie competenze per adattarsi ai cambiamenti dell’organizzazione. E non accontentarsi o aspettare che promozioni e cambiamenti piovano dal cielo (quarto consiglio), ma essere proattivi e artifici del proprio successo.

Ultimo consiglio, essere in grado di reinventarsi. Passare da un ruolo a un altro o da una divisione all’altra all’interno dell’azienda può essere un ottimo percorso di crescita. La propria conoscenza dell’azienda e della cultura organizzativa è sempre un vantaggio, e aiuta ad adattarsi nella nuova posizione

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Sorry, the comment form is closed at this time.